Type and press Enter.

MOA Exhibition 2018

Si è svolto dal 7 al 9 dicembre presso il World Trade Center di Taipei (Taiwan) il MOA Exhibition 2018, una kermesse tra le più importanti nel settore dell’airsoft mondiale e noi anche quest’anno non potevamo mancare.

Al MOA Exhibition 2018 erano presenti oltre 50 espositori provenienti  da Taiwan, China, Hong Kong, Giappone, Sud Korea e Thailandia. Rispetto allo Shot Show o all’IWA, grandi manifestazioni dove l’airsoft ricopre un ruolo marginale al MOA Exhibiton  2018 è il grande protagonista ed oltre agli affermati brand di quest’industria si trovano anche diverse realtà commerciali minori ma dalle proposte non meno interessanti.

Cominciamo il nostro tour visitando uno dei marchi più promettenti e più seguiti dagli appassionati delle repliche gas blowback: Poseidon. L’azienda taiwanese è in costante crescita e lo dimostra il numero di novità che quest’anno ha messo in campo.

Un costante ed efficiente sviluppo delle sue componenti ha portato l’azienda ad ampliare sempre più il suo catalogo arrivando ad inglobare finalmente repliche complete con a bordo tutto il meglio della produzione Poseidon.  Stiamo parlando dei Triton i nuovi fucili interamente realizzati da Poseidon . Basato sullo standard meccanico VFC (quindi derivazione WA) sarà equipaggiato con meccanica full Poseidon (equipaggiati con le nuove camere hop up CNC lock & load e i nuovi gruppi scatto \ bolt carrier).

Allo stand era possibile imbracciare due tipi diversi: carbine (con canna da 14,5″) e compact (con canna da 8″).

Il modello compact del Triton (con il calcio che alla massima estensione ha l’ingombro di 620mm mentre chiuso è di soli 535mm) risulta molto leggero (meno di 2,5 kg) grazie al receiver Skeletonized type accoppiato ad un frontale keymod da 7″ e calciatura compact da PDW.

Altra proposta degna di menzione riguarda la nuova serie di pistole Glock composta da 3 diversi modelli: la P17 & P18EVO (quest’ultima prodotta in serie limitata di 400 esemplari) e la P19 Shadow.

Basate sullo standard WE le Glock Poseidon si candidano ad essere la migliore proposta mai messa in campo da un’azienda per una pistola prodotta in serie grazie alla grande cura sia della parte estetica che sopratutto meccanica.

Fusto in polimero e magwell in alluminio, slide con loghi incisi e finitura Cerakote equipaggiati con  tacche di mira Cyclops Poseidon. La meccanica comprende le nuove camere hop up Striker complete di canna di precisione e gommino flat Poseidon. Ad un funzionamento impeccabile del ciclo di fuoco ci penseranno Ice Pick Valve, Ice Breaker e le Power Spring il cui contributo si farà sentire quando dovrete fronteggiare il freddo dell’inverno.

Altre chicche presenti allo stand erano un conversion kit per Glock in grado di trasformare la vostra pistola in un PDW (sulla falsariga dei noti Roni CAA),Il kit comprende i nuovi caricatori Glock da 50 colpi e la possibilità di installare qualsiasi calciatura che utillizza lo standard AR stock tube.

A proposito di caricatori capienti cosa ne dite del nuovo 90 round mag per VFC ?

A chiudere il nuovo M4 in calibro 9mm Poseidon equipaggiato con i mag da 50 colpi Glock dotato di un ciclo di fuoco e di una reattività che non ha nulla da invidiare al fratello equipaggiato con gli stanag.

Sempre restando in tema di Gas Blow Back parliamo di un’altra azienda big del settore che aveva presso il suo stand alcune tra le più belle e interessanti repliche di tutto il Moa Exhibition 2018: Ra-tech.

Ad attirare l’attenzione della maggior parte dei visitatori è stato il nuovo AR15 F1 Firearms, replica dell’omonima casa statunitense famosa per le sue versioni custom basate su meccanica AR15.

Il receiver skeletonized abbinato al contoured handguard C7M lascia letteralmente a bocca aperta vista l’eccellente qualità della lavorazione e il grandioso feedback da real steel che la replica trasmette una volta imbracciata ( sarà commercializzata sia nello standard WE che GHK).

Un’altra custom work di notevole impatto era rappresentata dal nuovo Geiselle URG-1 M4 Sopmod Block III, piattaforma recentemente adottata dall’USASOC (il comando forze speciali statunitensi) per i suoi reparti. Il fucile è equipaggiato con frontale Geiselle MLOK SMR MK16, forged receiver con loghi Geiselle ed è completo di selettore di fuoco a 45° gradi e bolt stop maggiorato.

Sempre per rimanere in tema di forze speciali ecco un interessante replica dell’L119A2\A1, variante dell’M4  costruita da Colt Canada e in uso presso i SAS inglesi.

Per gli amanti dell’Old School invece non può che far piacere la notizia  della commercializzazione di una nuova versione dello Springfield M14 dotato di nuovo corpo in legno.

Per quanto riguarda le pistole degne di nota erano i nuovi modelli di Glock Salient Arms : le SAI BLU (basate su meccanica WE) e le SAI Tier One (basate invece su meccaniche Umarex / VFC).

Come monito per coloro che mettono in dubbio l’effettiva resistenza dei materiali impiegati dall’azienda taiwanese Ratech esponeva la replica di un Salient Arms GRY SBR dopo aver ricevuto le attenzioni di un paio di proiettili calibro 12.

A chiudere questo giro tra i big delle GBB non poteva esserci che un’ azienda il cui nome rappresenta lo stato dell’arte in questo campo (l’equivalente della Systema in campo delle AEG): Vipertech.

Oltre ai modelli già conosciuti e apprezzati di numerose varianti di  AR15 (tra cui il nuovo Sopmod Block III e il sempre notevole M4 SPR MOD.1) molto interesse suscitava tra i visitatori la replica dell’HK416 benché non fosse un modello tra gli ultimi usciti.

Lasciamo momentaneamente i GBB per approdare allo stand Bolt Airsoft dove l’amico Tomy era ansioso di illustrarci le novità che ha in serbo per questo MOA Exhibition 2018. Nello stand Bolt a farla da protagonista era la nuova serie di AKSU74 proposti con diversi tipi di settaggi (sia in stile classico che nelle più recenti incarnazioni Zenitco style).

La grossa differenza è rappresentata dal tipo di frontale e dal tipo di calciatura impiegata (oltre alla classica a stampella e alla Zenitco PT1 vi era un modello folding AR compatibile).

Una nuova versione ultra-compact di M4 con frontale di soli 5″.

Sul fronte M4 la novità l’arrivo dei  BRSS High Cycle che unisce rapidità di fuoco e vigoroso recoil.

Non poteva mancare all’appuntamento una delle grandi padroni di casa: Vega Force Company che al pubblico del MOA Exhibiton 2018 ha presentato il suo nuovo progetto: l’Avalon Edge Samurai.

Proposta in due differenti colorazioni (full black e con componentistica in rosso).

L’Avalon Edge Samurai si distingue per l’utilizzo di un receiver dalle soluzioni molto originali e vistose come stemmi in rilievo al posto dei comuni loghi e minuterie quali mag release e speed trigger nello stesso colore dell’outer barrel.

Chi preferisce repliche più sobrie  invece stazionava dinnanzi al nuovo KAC M110 GBB che sicuramente non mancherà di suscitare interesse visto il grande fascino che da sempre il fucile Knight’s Armament esercita negli appassionati.

Quando si parla di impatto estetico c’è poco da fare VFC fa sempre la sua porca figura. Le differenze estetiche tra i modelli GBB e quelli real steel della serie HK416 sono davvero ridotti al minimo e per un occhio non allenato non è da ritenere impossibile fare l’errore di confondere l’uno per l’altro.

Interessante la partnership che si è venuta a creare tra Avalon & PTS Syndicate che ha portato alla realizzazione di una versione di M4 PDW costituito dal sistema VFC Virgo (meccanica v2 VFC spinta da un motore brushless Novatech xpert GP350) abbinato a componentistica PTS.

Girovagando tra i produttori di upgrade per le AEG abbiamo dato un’occhiata ai prodotti della promettente Slong Airsoft, giovane azienda di Taiwan in lenta ma costante crescita. Tra le proposte spiccava il nuovo gearbox di seconda generazione completo di meccanica made in Slong. Grazie all’affidabilità e al suo eccellente rapporto qualità prezzo è in grado di confrontarsi e sotto diversi aspetti superare un mostro sacro della categoria come SHS airsoft.

Non è da meno Maple Leaf dove era in mostra la nuova creazione su cui si trova al lavoro il reparto sviluppo: un vero silenziatore costruito secondo i principi e i metodi dei soppressori per armi da fuoco.

Come potete vedere sono stati installati dei deflettori forati che creano delle camere di espansione in grado di imprigionare e di conseguenza ridurre l’emissione dei decibel durante lo sparo.

Oltre a una versione per pistola abbiamo potuto vedere un sistema dedicato al VSR-10 composto da una canna con silenziatore integrato che potrebbe rendere i già silenziosi bolt action Marui dei fucili da sniper ancor più letali.

Tappa obbligata da FCC in cui centinaia di appassionati hanno sostato per chiedere informazioni sulla nuova creatura in lavorazione presso i laboratori Fight Club Custom: lo SCAR-L Training Weapon.

Notevole come sempre la qualità delle custom che FCC espone durante le fiere e in questo MOA Exhibition 2018 non è stata da meno, passando davanti allo stand era impossibile non rimanere affascinati da repliche come questa Training Weapon in aor1 realizzata con il KIT HK416D Eagle Eye o dal MK12 SPR MOD.1

Non da meno questa coppia di Hi-Capa realizzate in collaborazione con Armorer Works.

Torniamo ad occuparci di pistole Gas Blow Back è più precisamente di Glock presentandovi un’altra promettente realtà nel campo delle custom house per gbb: MIT Airsoft.

Giovane e dinamica azienda taiwanse realizza componentistica sia meccanica che estetica per piattaforme Glock VFC e Marui, l’ampio ricorso a componenti realizzati in alluminio CNC la dice lunga sul modo di lavorare e progettare di questa nuova realtà.

Sempre per restare in tema di pistole facciamo un  giro veloce da Armorer Works sempre in prima linea nel proporre modelli inusuali. Lo confermano le nuovi versioni custom della 1911 e la nuova serie Hi-Capa con slide skeletonized.

Concludiamo questa nuova visita al MOA Exhibition 2018 allo stand Element per dare un’ occhiata al nuovo headset wireless di prossima uscita.

Il sistema è composto da un ricevitore che va connesso alla radio e da un trasmettitore che funge da portante e che comunica con le cuffie tramite wifi.

Tutte le novità che vi abbiamo presentato insieme a molte altre saranno presto disponibili su Emperion Store.

Lascia un commento